Grazie 2017!

martinatombolini_full.jpg

Forse viene naturale e spontaneo fermarsi a riflettere su bilanci e buoni propositi in questo giorno dell’anno. Forse è anche giusto, o forse no. Chi lo sa..

Instagram questa mattina mi regala un #2017bestnine che sicuramente mi vede soddisfatta.

Marche,Toscana, Umbria, Campania, Puglia Basilicata, Abruzzo, Emilia Romagna hanno colorato queste pagine, rimepito il blog di parole e regalato momenti indimenticabili.

Ho conosciuto gente meravigliosa, diversa. Curiosato tra vite, costumi e tradizioni. Ho visto posti incantevoli, dormito in luoghi che mai avrei pensato e imparato parole che mai avrei conosciuto.

Un’altra cosa che ho imparato è che la verità la troverete sempre e solo là fuori, e non dietro lo schermo, e nemmeno tra le pagine del libro più bello che vi capiterà tra le mani.

I buoni propositi li lascio al tempo che trovano, perché in realtà e di speranze che viviamo.

A tutti voi, che spesso o qualche volta capitate da queste parti, va il mio grazie e i miei migliori auguri…

Annunci

Amandovolo – Il dolce di Porto San Giorgio

Paese che vai, cucina che trovi!
Parafrasando un antico detto, oggi vi parlo di un piatto tipico del mio paese.
Si tratta di un dolce! E ve ne (ri)parlo proprio oggi perché è il dolce per eccellenza del Natale sangiorgese, e perché si fa nel periodo che segue il primo raccolto delle mandorle.
Anche se poi in realtà, è facilmente reperibile in tutte le stagioni =)

Sto parlando dell’Amandovolo. Ha un nome buffo, e a volte anche un po’ antipatico. C’è chi lo chiama mandovo, chi amandovo, chi amandovulo.
Mi viene da pensare che, dialetto a parte, non lo sappiamo neanche noi!
Pare sia stato importato qui da un pasticcere torinese. Ha la forma di un plumcake, e sotto un croccante guscio di cioccolato, si cela una soffice mollica dal caldo profumo di mandorla. Non aggiungo altro, ma se passate da queste parti, un assaggio è d’obbligo!
Se invece volete provare a farlo, vi lascio la ricetta che fa sempre mia mamma =)

Ricetta
5 uova
100 g. di farina OO
100 g. di zucchero
50 g. di fecola
50g. di burro
100 g. di mandorle tritate con la buccia
Aroma di mandorla amara
1 bustina di lievito per dolci
Per decorare e glassare:
200 g di cioccolata fondente
100 g di mandorle tritate

Procedimento
Setacciare ed unire in una ciotola la fecola e la farina
Fondere il burro in un pentolino e lasciar intiepidire
Montare le uova intere insieme allo zucchero e aggiungere il burro fuso, la fecola con la farina, il lievito, le mandorle tritate, e l’aroma di mandorle
Versare il composto in uno stampo precedentemente imburrato e infarinato.
Cuocere in forno preriscaldato per 30/40 minuti a 160°
Una volto cotto, lasciare raffreddare e ricoprire con la glassa di cioccolato. Guarnire a piacimento con le mandorle tritate.

Se anche voi avrete la fortuna di assaggiarlo, o se proverete a farlo, mi raccomando, mandatemi le vostre foto! =)