ArteInViaggio – Il Treno

Dopo aver partecipato diverse volte alla rubrica #wetravelweshare del blog I’ll be right back, che vi invito a visitare, ho pensato, “perché non fare un qualcosa di simile, ma con l’arte?” E così nasce questo piccolo esperimento, che spero con il tempo cresca sempre più. Il tema del mese era il TRENO. Ringrazio Agnese per l’ispirazione e tutti i partecipanti!
Mariantonietta Alchimie

il treno partorito dal sole
Fin dalla loro apparizione i treni hanno intrigato gli artisti. Icone di un progresso e di una tecnologia che guarda al futuro, le locomotive assumono valenze sentimentali e poetiche. Con il treno si genera il mito del viaggio romantico, attraverso luoghi lontani e sconosciuti. Tra le varie tele ai treni dedicati io preferisco questa di Fortunato Depero, annata 1924. Per legge di natura, essendo tra i fondatori del Futurismo, era attratto dal progresso e, soprattutto, dalla velocità. Il quadro è una vera e propria pubblicità a questo mezzo di locomozione e inneggia ai valori positivi che incarna; il treno è addirittura partorito dal sole, espressione massima della potenza del nostro universo.

Serena –Trip&dream2908

Trip&dream2908

Non amo particolarmente fotografare treni o altri mezzi di trasporto, ma ci sono posti per i quali hai la necessità di fare foto che generalmente non faresti. Qui siamo a Berlino in una delle stazioni che si incontrano per raggiungere il centro. C’è la neve, l’attesa e la Destinazione.

Andrea

arteinviaggio3

Pensando al treno mi è tornata in mente una fotografia che feci ad una fotografia di Steve McCurry, si chiama Agra, Uttar Pradesh ed è stata scattata nel 1983. La foto ritrae un treno a vapore di passaggio di fronte al Taj Mahal. Mi ha colpito fin da subito per la capacità che ha avuto McCurry di condensare in uno scatto la contraddizione di questo paese che tanto adorava. Lusso e povertà, chiaro e scuro erano lì, impressi in un unico istante.

Anche io ho scelto un’immagine. Ed è Il treno nella neve.

Claude Monet - Il treno nella neve

É un dipinto di Monet realizzato durante la sua permanenza ad Argenteuil, alla fine del 1800. Di questo quadro mi piaceva la malinconia, e l’atmosfera, ovattata come solo quella invernale sa essere. In quel periodo il treno iniziò a conquistare grande importanza sia sul piano letterario che artistico. Era il simbolo del progresso, faceva paura e allo stesso tempo incantava. Del treno si ammirava l’idea di velocità mista a staticità, ma anche, e soprattutto, la capacità di unire territori lontani e attraversare terre spesso inesplorate.

Vi aspetto la settimana prossima con l’uscita del nuovo tema!
#ArteInViaggio

Annunci

2 thoughts on “ArteInViaggio – Il Treno

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...