Possesso Palla

IMG_8605_2

Se in una partita di calcio si calcola il possesso palla, perché non calcolare il possesso sguardi in una vita?
Da inesperta quale sono dico che, forse, in una partita non sarà la cosa più importante da calcolare, ma se lo si vede come il tempo trascorso a rincorrere la Regina del campo, allora forse una sua importanza ce l’ha.
E fuori dal campo?
Quali sono o chi sono i nostri Re e le nostre Regine? Rispetto a chi o a cosa viviamo in sudditanza?
Una cosa è certa, cerchiamo sempre il bello. In ogni perché, in ogni dove, in ogni istante..purché sia bello, entusiasmante.
E a quel punto credo sia giusto lasciar perdere il calcolo…

(La Foto è presa dal Web ed è una famosa realizzazione del fotografo Steve McCurry.
Vista la coincidenza vi segnalo la sezione Football presente nella sua galleria, nella quale è possibile trovare scatti meravigliosi relativi al gioco del calcio che, come troviamo scritto, non è solo il calciare una palla, ma è un qualcosa che mescola passioni, oltrepassa confini, e supera limiti di nazionalità, razza, generazione e religione)

Annunci

13 thoughts on “Possesso Palla

  1. siamo nati naviganti o navigatori a prescindere : fin dalla prima nuotata in quel mare chiuso del grembo materno! La ricerca e quindi la scoperta è stata funzionale a quell’esperienza, già il primo impatto visivo è coinciso con il bisogno di sondare e incontrare! Forse risiede proprio lì il senso del sentirsi parte e appartenenza : percepire altri occhi provando a nuotare nuovamente. Non so forse sono andato fuori traccia ma è quello che la tua pagina mi ha fatto “vedere”. Ciao

    Liked by 1 persona

  2. Personalmente non credo nella possibilità di un’Etica assoluta, e quindi sono naturalmente portato a “sentire” che l’unica vera Etica sia l’Estetica. E, a questo punto, non potendo il “Senso del Bello” che essere personale, sono portato a credere che ognuno non possa che avere una propria Etica Personale, non sempre coincidente con quella degli altri, così come non lo è il suo Senso del Bello.
    Di conseguenza, ognuno ha i suoi Re e le sue Regine personali, e quindi le sue sudditanze, che andrebbero SEMPRE rispettate con rigore dagli altri (quando non provochino inutili sofferenze nel prossimo…)
    Complimenti, Martina, hai proprio un bel Blog.

    Liked by 1 persona

  3. Sono pienamente d’accordo con te Sem. Ognuno ha i suoi Re, le sue Regine, e il proprio Senso del Bello. E aggiungerei che parte di questo Senso del Bello sia insito proprio nella diversità.
    Ti ringrazio per essere passato, per aver lasciato questo bel pensiero e dei complimenti! =)

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...