Pioraco e Li Vurgacci

Altra giostra, altro giro! Complice la coincidenza del caso, complice Giulia che ringrazio, pochi giorni fa sono stata a Pioraco. E’ un piccolo borgo delle Marche, in provincia di Macerata. E già solo arrivare fin lì è pura magia. Si prende la superstrada direzione Camerino, e con il mare alle spalle, si iniziano a imboccare strade senza tempo, che dalle colline si inerpicano per le montagne. Poche macchine in giro, poca gente per strada. Il paese è piccolissimo, circa 1300 abitanti, ed è…”tutto lì”. Sì..appena si arriva, è tutto lì. Il bar, il campo di calcetto, le poste, l’hotel, il ristorante, il municipio, i giardini, la piazza, la farmacia, la chiesa, la ferramenta, la caserma dei carabinieri, l’ufficio informazioni turistiche, il museo. No, non sto né esagerando, né scherzando.

DSC_0041

DSC_0046

DSC_0142DSC_0145

DSC_0148

DSC_0049

Proprio da dietro il ristorante si può iniziare un piccolo percorso, che conduce alla Grotta di San Vittorino, patrono del paese che, secondo la tradizione, cadde vittima del demonio che gli apparve sotto le sembianze di una donna, e per punizione si lasciò penzolare da un albero con le mani legate a un ramo.

DSC_0002

DSC_0015

DSC_0025DSC_0028 DSC_0063

Scendendo nuovamente in paese che…è tutto lì, un cartello indica il sentiero più importante della zona, quello per cui è conosciuto il paese. “Li Vurgacci”.

DSC_0082

DSC_0065
Il sentiero è percorribile da Aprile a Ottobre e si fa anche in meno di un’ora. Il panorama che si ha davanti via via che si prosegue è magnifico. E dopo una più o meno breve salita, si inizia a scendere attraverso scale naturali, piccoli passaggi, grotte nascoste, e ponti in legno che attraversano cascate e costeggiano il fiume.
Proseguendo il sentiero indicato, si arriva finalmente alla Fossa dei Mostri, una piccola zona, dove finalmente è possibile conoscere questi famosi Vurgacci. Mostri in pietra, opera dell’artista Antonio Ciccarelli. Quel senso di stupore misto a riflessione è inevitabile. Sono senza dubbio una cosa alquanto bizzarra, ma allo stesso tempo emanano un senso d’inquietudine impressionante. I volti tristi, intrappolati in un attimo a noi sconosciuto. Sembrano usciti da una di quelle favole dei fratelli Grimm. Personaggi puniti dallo stregone di turno per una colpa non commessa. Ed è ancora più strana la sensazione che si ha nell’ accorgersi che ci sono altrettanti mostri ormai nascosti dalla vegetazione, che sfuggono a un primo sguardo. Come fossero vittime di una punizione ancor più dura.

DSC_0064DSC_0066DSC_0072 DSC_0076DSC_0093 DSC_0098DSC_0099

In tutto ciò…sono riuscita a fare la mia prima foto effetto setoso all’acqua!!! … e forse la mia felicità un po’ avrà fatto ridere questi Vurgaccetti =)

DSC_0106DSC_0103

Il percorso prosegue e termina la sua corsa in un luogo del tutto paradossale. Dietro la famosa Cartiera Miliani di Fabriano. Già nel passato si ricorda la presenza di attività legate alla fabbricazione della carta, vista l’abbondanza di acqua, e tuttora ne è di fatto la principale attività.

DSC_0140DSC_0132

Ho scritto troppo..
Non so se quello che manca, in generale, sia la voglia o la capacità di cercare il bello che c’è intorno. Io dico solo che basta provarci, perché prima o poi capita quella volta in cui dici “ne è valsa la pena”, anche se magari inizialmente non ti fidi, nemmeno di te stesso…

Annunci

2 thoughts on “Pioraco e Li Vurgacci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...